Il cibo in MOSTRA_seconda parte

Ieri sera a Roma l’intero rione Testaccio è diventato un set a cielo aperto dedicato al racconto per immagini del cibo. Dalle 20.00 alle 24.00, infatti, chi ha messo in rete le proprie immagini con il tag #foodbloggersocialnight, è diventato protagonista del più grande racconto social del cibo mai fatto prima. L’evento Foodblogger Social Night, con immagini in diretta dalla rete, live music e proiezioni, è un’iniziativa ideata da Marco Panella, promossa da Artix con il supporto di Roma Capitale nell’ambito dell’Estate Romana 2015 ed in collaborazione con il CAR-Centro Agroalimentare Romano, il Dipartimento di Comunicazione dell’Università la Sapienza ed il Co.Ri.De.

INTESTAZIONE arriva-la-food-blogger-social-night-al-mercat-L-U8BDzw

Lasciamo Roma e ci dirigiamo a Venezia dove fino ad ottobre si possono fare interessanti riflessioni  sulle DONNE ED IL CIBO. Il tema  del cibo qui è visto  anche dal punto di vista dei  disturbi alimentari.

In FOOD FOR THOUGHT la fotografa Angela Lo Priore racconta il rapporto spesso conflittuale tra il genere femminile e l’alimentazione. Riprendendo le parole dell’artista : “Le protagoniste delle mie stampe non sono per nulla spontantanee, ho voluto rappresentare l’esperienza fisica dei tempi moderni”. Si coglie la vicinanza fisica in contrapposizione alla lontananza mentale degli scatti. Foto molto glamour che ritraggono donne belle, giovani, sofisticate di fronte a piatti appetibili, ma con aria distante. Per me che mi occupo di disturbi dell’alimentazione è una mostra che ha saputo ben rappresentare il disagio personale profondo di cui il “distacco” rappresenta un aspetto fondamentale.

image004 image012

Tornando a Milano , dove il tema dell’EXPO spopola , la Mostra ARTS&FOOD : “L’unico padiglione in città di Expo 2015”. Qui l’arte, la storia ed il cibo si fondono in un meraviglioso percorso all’interno della Triennale di Milano sita in Parco Sempione.  Aperta tutti i giorni fino al 1 novembre è curata con grande maestria da Germano Celant. All’ingresso personale e volontari competenti danno consigli su come visitare la mostra e “dritte” per non perdere di vista  opere importanti come la natura morta di Renoir e tante altre protette in teche di vetro. Affascinante la “Zambracca” dimora storica sul Lago di Garda dove Gabriele D’Annunzio ha vissuto, ricomposta per l’occasione all’interno dello spazio museale.

locandina art e foodrenoir

zambracca 2

zambracca1

Affascinanti gli ambienti casalinghi dei grandi designer del passato come quella di Le Courbusier. Nel giardino un’immensa opera gonfiabile che riproduce una bottiglia di ketchup emblema dell’alimentazione dei nostri giorni. Opere di Warhol e oggetti della “memoria” come la Susanna tutta panna e la Mucca Carolina gonfiabili che negli anni “70 venivano date in regalo con un certo numero di punti dei formaggini! Vedere quest’oggetto mi ha reso impossibile non fare una riflessione. Se Susanna tutta panna è così vivida nei miei ricordi ed è diventata un pezzo da museo…vorrà dire che anche io devo considerarmi vintage? Scherzi a parte è stato divertente vedere oggetti della mai infanzia che hanno risvegliato ricordi e credo che a tanti altri farà lo stesso effetto.

warhol warhol1 ketchup le corbusier 1 le courbousier pubblicità vecchie

susanna carolina

Sempre all’interno della Triennale è possibile visitare un’altra interessante e divertente mostra in cui si affronta il tema degli incidenti domestici in una ambientazione da “invasione degli ultracorpi”. Ricordate l’omonimo film realizzato dal romanzo di Jack Finney ? Ebbene l’idea è che gli oggetti da cucina possano un giorno talmente sostituire gli uomini quasi a fare una vera e propria invasione che già ora rappresentano oggetti pericolosi  se non utilizzati in modo opportuno.

passerella di legno capsula cucina

Bisogna attraversare una passerella di legno sospesa per poter visitare Kitchens&Invaders ed entrare in un mondo reale quanto fantastico. Dalla cucina realizzata in una capsula spaziale ai timer che minacciosi ti guardano da dietro il vetro, agli oggetti “pericolosi” come frullatore, tostapane, tritaghiaccio, tritatutto…Tutti pronti ad aggredirci in cucina!

invader invader1

timer timer2

Annunci

2 pensieri su “Il cibo in MOSTRA_seconda parte

  1. Pingback: Il cibo in mostra 2a parte | #Differevent

  2. Pingback: Il cibo in mostra 1a parte | #Differevent

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...