Malumori invernali : cause e verità (prima parte)

Da circa un mesetto vi sentite sotto tono? Avete sempre sonno? L’umore è sotto le scarpe? La libido si è addormentata? Siete irritabili e avete sbalzi di umore? Consumate carboidrati in modo eccessivo con conseguente aumento di peso?

A meno che non stiate vivendo particolari situazioni psicologiche o sociali, come ad esempio la disoccupazione, un lutto, una separazione, impegni o problemi scolastici, ecc. è probabile che  state soffrendo di depressione stagionale. Sì non sto scherzando ed è più comune di quanto si pensi.

depressione-invernale-immagine

La depressione invernale sarebbe  più frequente nei soggetti già predisposti ad alterazioni depressive del tono dell’umore. I disturbi affettivi stagionali, noti anche con la sigla SAD (Seasonal Affective Disorders) rappresentano da qualche tempo un profilo clinico riconosciuto e studiato in tutto il mondo. Questo disturbo si manifesta tra settembre ed aprile, più duri i mesi di dicembre, gennaio e febbraio. In Europa rappresenta circa il 3% della popolazione adulta e colpisce in prevalenza le donne. Migliora, fino a scomparire, con l’arrivo della bella stagione, quando le ore di luce tornano ad aumentare. Sembra infatti che alcune persone risultino più sensibili ad un’alterazione del bioritmo interno, a sua volta regolato dal ritmo luce-buio. La diminuzione di luce solare crea un’anomala produzione di serotonina, un mediatore chimico cerebrale che serve proprio a controllare l’umore oltre naturalmente ad altri fattori di origine principalmente chimica.

Nella mia attività clinica lo avevo notato più volte e ricordo in particolare Anna che tornava da me ciclicamente proprio con l’arrivo dell’autunno e cercava un supporto in attesa che arrivassero giornate più lunghe e luminose. Ricordo le sue parole intorno a questo periodo in cui, calendario alla mano, si rincuorava dicendo: “Dottoressa da oggi le giornate cominciano ad allungarsi, pochino ma iniziano ad allungarsi, le giornate buie stanno per finire”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...