Comportamenti alimentari e tecnologia: i risultati di una nuova ricerca

Un recente studio clinico randomizzato ha cercato di comprendere se i nuovi strumenti tecnologici dedicati al fitness, dal contapassi alle App fino allo smartwatch, i misuratori tecnologici indossabili o fitness tracker, possano essere efficaci al fine del dimagrimento.

Prima di presentarvi la ricerca devo anticiparvi il risultato che conferma la mia esperienza clinica : se la testa non è pronta nessuna dieta e tanto meno nessuno strumento tecnologico, per quanto sofisticato, possono essere di aiuto. Per mantenere un peso ideale ci vuole costanza, conoscenza dei principi alimentari di base e più che altro comprendere cosa ci porta a mangiare di più e male (in modo continuo o occasionale).  In genere se c’è un aumento di peso, escluse reali patologie, va ricercata la causa nella persona, nelle sue emozioni e modi di approcciarsi alla vita. Difficilmente ci si riesce da soli e si ha bisogno di un aiuto esterno (umano!)

img_3350

 Lo studio clinico randomizzato.

 Un gruppo di ricercatori dell’Università di Pittsburgh ha messo a confronto i metodi tradizionali con il nuovo auto monitoraggio tecnologico per valutarne l’efficacia. Lo studio ha analizzato per 24 mesi 471 individui, con un’età compresa tra i 18 e 35 anni  e un BMI tra  25 e 40, quindi, individui in sovrappeso ed obesi.

 I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi,  hanno seguito una dieta ipocalorica e fatto attività fisica. Dopo 6 mesi dall’inizio dell’esperimento ad un solo gruppo è stato fornito un dispositivo da indossare per monitorare attività fisica e calorie.

 Dopo due anni i risultati, sorprendenti, hanno mostrato che la tecnologia e l’automonitoraggio non aiutano. Chi ha avuto il solo supporto standard di dieta, un sito web informativo e incontri di gruppo settimanali ha perso quasi 6 kg in media, contro i soli3,5 kg (in media) del gruppo che ha usato il dispositivo indossabile.

I ricercatori sono rimasti sorpresi dai risultati della ricerca, pubblicata poi sulla rivista “Jama” e hanno dichiarato di non aver chiari i motivi di tale risultato. In un’intervista al New York Time uno dei ricercatori il Dr. Jhon Jakicic ha affermato di voler approfondire il risultato ottenuto e ha ipotizzato che l’uso di tali dispositivi potrebbe aver deviato l’attenzione dei soggetti dal proprio comportamento al dispositivo tecnologico.

 La motivazione a dimagrire fondamentale, inoltre, sembra venir meno nel lungo periodo se si usano questi strumenti di fitness tracker. Forse le persone che fanno uso di tali strumentazioni tendono a delegare la responsabilità a tali misuratori e adottano un comportamento alimentare meno consapevole.

La psicologia del comportamento alimentare è complessa e spesso sorprende chi ne studia gli effetti sul peso. Bisognerebbe capire qual è il modo in cui i magri pensano al cibo, quali pensieri e parole rivolgano a se stessi per avere il giusto comportamento alimentare e poter aiutare chi pensa in modo ingrassante.

Gli scienziati e gli psicologi del comportamento alimentare hanno notato, che chi ha problemi con il peso ha un comportamento molto emotivo, guidato da sentimenti e pensieri negativi, che influenzano il modo di mangiare. Possiamo, quindi, adottatori i metodi tradizionali per perdere peso cercando di vederlo come un percorso non punitivo, ma di conquista del benessere, per guidare il comportamento alimentare con emozioni positive.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...