Scegliere gli alimenti giusti tra mode e teorie

Ogni anno veniamo messi di fronte a diverse teorie, mode, idee o scoperte che hanno a che fare con la corretta alimentazione e sicuramente questa miriade di informazioni non ci aiuta ad avere le idee chiare al riguardo.

Il problema di base, se così possiamo definirlo, è che l’uomo è onnivoro, quindi non ha particolari restrizioni come ad esempio accade per altre specie animali. Noi a differenza di altri organismi possiamo mangiare e bere sostanze che non hanno nessun valore nutritivo, alimenti “sintetici” formulati artificialmente in laboratorio. Il fatto però che possiamo mangiarli non significa che questi abbiano un effetto positivo sul nostro metabolismo.

Se ci pensiamo, poter avere una linea guida potrebbe tornarci molto utile! Essa potrebbe mostrarci le indicazioni alimentari che sarebbe meglio seguire per mantenere un buono stato di salute.

piramideMeetab

 

La Piramide Alimentare è nata proprio con questo scopo: tra un’infinità di scelte è importante individuare ciò che è più giusto per noi. Essa rappresenta uno schema, a forma di piramide appunto, che riassume a grandi linee come dovrebbe essere caratterizzata la nostra alimentazione: alla base troviamo gli alimenti che si dovrebbero consumare più frequentemente e via via proseguendo verso la cima i cibi invece da mangiar con più accortezza.

E’ importante però che essa non venga redatta per interessi commerciali e che non sia basata su dati propagati dall’industria alimentare. Questo capite anche voi, che sarebbe un conflitto d’interessi! E’ indispensabile che essa abbia basi scientifiche e che sia “neutrale”.

Perché fare queste premesse? Ebbene l’idea della piramide alimentare nacque nel 1992 dal Ministero dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), tale ente la usò all’epoca per promuovere i prodotti alimentari che gli USA producevano principalmente, ossia i cereali e per questo motivo li mise alla base della piramide.

Per fornire i dati corretti, nel 2005 la Scuola di Medicina di Harvard decise di riprendere in mano il concetto e rivedere i contenuti dello schema. Stilò quella che ora è chiamata “Piramide per una Sana Alimentazione”

 Alla base di questa piramide non si trovano i cereali ma fattori non legati direttamente al cibo, ma al benessere del corpo: il contenimento del peso, l’esercizio fisico e il consumo di acqua in quantità sufficiente. Questo ad indicare quanto siano importanti questi tre elementi per riuscire a raggiungere il benessere fisico.
 Nella seconda fascia della piramide rivista troviamo la frutta, la verdura, i grassi buoni (come l’olio extravergine d’oliva, la frutta secca, etc.), e i cereali (che se facciamo riferimento alla piramide iniziale sono stati ridotti di 1/3 rispetto a quanto indicato).
 Si prosegue poi verso l’alto con i legumi, il pesce, le uova e la carne bianca.
 Sono da consumare meno di frequente invece le carni rosse alimentate a mangimi e non ad erba, infine i cereali e tutti gli alimenti raffinati

 

Fonte Meetab Academy

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...