Giornata internazionale contro la violenza sulle Donne

Il 25 novembre è la Giornata internazionale dell’Onu contro la violenza sulle donne. Una ricorrenza che aiuta a non dimenticare le vittime e a sensibilizzare le persone. Se le leggi infatti hanno l’obiettivo di rendere più efficace e capillare la lotta al femminicidio, è anche vero che in Italia serve un cambiamento culturale che coinvolga tutta la società.

 

Una data decisa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, che è diventata un simbolo di mobilitazione del mondo femminista: ogni anno, a partire dal 2000, in tutto il mondo si organizzano eventi e manifestazioni per ricordare tutte le donne che hanno subito o subiscono violenza. La scelta non è casuale: il 25 novembre del 1960 tre sorelle di Santo Domingo, Patria, Minerva e Maria Mirabal furono catturate, torturate e uccise da agenti del servizio di informazione militare del regime di Rafael Leònidas Trujillo, il dittatore che per oltre 30 anni governò la Repubblica Dominicana. In loro memoria il 25 novembre del 1981 ci fu il primo Incontro Internazionale Femminista delle donne latinoamericane e caraibiche: da quel momento in poi, il 25 novembre divenne la data simbolo della lotta alla violenza sulle donne.

violenza-sulle-donne post es

I NUMERI NEL MONDO – Secondo Un Women, l’agenzia Onu che si occupa dei diritti femminili, circa la metà degli omicidi di donne in ogni parte del mondo è perpetrata dal partner o da un parente. Circa 120 milioni di bambine nel mondo sono state costrette a un rapporto sessuale o a un atto di natura sessuale; 200 milioni di donne e bambine hanno subito una mutilazione genitale. In Europa 62 milioni di donne sono vittime di maltrattamenti, in America una donna ogni 15 secondi viene aggredita.

I NUMERI IN ITALIA – Nei primi 10 mesi del 2017 in Italia sono state uccise 114 donne. Nel 2016 i femminicidi erano stati 150, nel 2015 142: un aumento del 5,6% con più di 20 vittime in Lombardia e 17 in Veneto. Dal 2000 a oggi le donne vittime di omicidio volontario in Italia sono state 3mila, il 37,1% di tutte le persone uccise. Dati che emergono dal quarto rapporto di Eures sul femminicidio in Italia, diffuso proprio in occasione del 25 novembre. Dei quasi 7 milioni di donne che hanno incontrato nel corso della loro vita un uomo violento, il 20% – riferisce invece l’Istat – ha subito violenza fisica, il 21% violenza sessuale. Ci sono poi 3,466 milioni di donne vittime di stalking.

Fonte web

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...