Piante : le sentinelle della casa

Già nel 1989 lo scienziato della NASA B.C. Wolverton scoprì con una sua ricerca che nella realtà quotidiana, esattamente come nello spazio ristretto di una navicella spaziale, nell’aria era forte la presenza di gas dannosi come formaldeide, benzene, acetone, ammoniaca. Questi gas non sono solo il sottoprodotto di materiale da pulizia e vernici come si poteva immaginare, ma sono nelle componenti stesse delle case compresi elettrodomestici, mobili e anche moquette.

Precedenti studi avevano dimostrato che le piante predisposte per lo scambio tra anidride carbonica ed ossigeno potevano scambiare anche i gas nocivi riducendo l’inquinamento gassoso. Tutti gli studi di fisiologia vegetale sulle comuni piante da appartamento hanno confermato che sono in grado di migliorare la qualità dell’aria nei locali chiusi.

52508170_423464188424948_4254284051512295424_n

Ecco quindi che la nostra casa concepita come luogo di benessere può essere preservata da gas inquinanti e dannosi semplicemente con l’uso delle piante. Sicuramente un piacere per la vista, danno soddisfazione a chi le accudisce. Ogni nuova foglia, ogni nuovo fiore sono sempre un’emozione. Vediamo quali piante sono adatte ad ogni ambiente: per il  living vanno scelte le specie più scenografiche magari messe in gruppo come l’anthurium e la dracena, in cucina perfette le orchidee comuni conosciute come phalenopsis, prodotte su larga scala hanno costi accessibili, amano l’umidità nell’aria e rappresentano il nemico numero uno per lo xilene. Unica accortezza evitare di lasciarle nelle correnti d’aria. Nel bagno edere e  felci sono perfette perché richiedono pochissima cura e combattono la formaldeide. Nelle camere da letto le piante andrebbero evitate eccetto che per le succulente che scambiano poco ossigeno.

La superficie delle foglie cattura anche la polvere così come le sostanze indesiderate presenti nell’aria in sospensione. Conviene evitare di spolverarle per evitare di rimettere in circolo i residui. Consigliato pulirle con un panno umido o lavarle nella doccia. (Le mie orchidee una volta a settimana le lavo con acqua tiepida nel lavello della cucina!)

Siete pronti a verificare il vostro pollice verde?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...